Tag: energia verde

Cosa succederà alle fonti rinnovabili di energia?

Se qualche anno fa ci avessero raccontato che le energie rinnovabili sarebbero diventate centrali per indirizzare lo sviluppo economico dei nostri Paesi, forse avremmo storto un po’ il naso. Per una società petrol-centrica come la nostra risultava (e per certi versi risulta ancora) difficile pensare a risorse energetiche diverse da quelle conosciute fino a questo momento. Imperi economici di proporzioni immense si fondano sull’estrazione, lavorazione e distribuzione dell’oro nero e del carbone.

Eppure la storia ci ha insegnato che i cambiamenti sono sempre dietro l’angolo. Dal carbone al petrolio sino alle fonti rinnovabili, si tratta davvero di un trend giunto ormai ad un punto di non ritorno.

Con l’arrivo sul mercato delle gigantesche turbine eoliche dai rendimenti elevati, anche il costo dell’energia prodotta sta subendo flessioni di una certa entità, notizia questa che farà sicuramente sorridere di contentezza tutti i consumatori.

Il 19 Settembre a Londra si è concluso il meeting di Bloomberg New Energy Finance durante il quale, Micheal Liebreich (fondatore) ha affermato, stime e dati alla mano, che ben l’86% dei 10.2 miliardi di dollari che verranno investiti nella produzione di energia fino al 2040 sarà ad appannaggio delle energie pulite.

spesa energia pulita
(Immagine di BNEF)

“Una delle ragioni per cui il costo di quei complessi di produzione di energia da eolico offshore è calato (senza sussidi) è perché le turbine impiegate sono mostri nel vero senso della parola”, ha affermato Liebreich, “Immaginate ora una turbina alta quanto il The Shard (grattacielo londinese)”.

Il punto, insomma, è che in un futuro davvero prossimo il costo dell’energia elettrica calerà sensibilmente poiché i costi di estrazione saranno praticamente inesistenti, sostituiti perlopiù dai costi di manutenzione dei grandi impianti utilizzati.

E’ un trend in continua ascesa ed è inevitabile che presto o tardi, in concomitanza con i piani di sviluppo energetico dei vari Paesi, le fonti rinnovabili prenderanno il sopravvento rispetto alle fonti tradizionali di approvvigionamento, questo, per almeno due ordini di ragioni:

  1. Perché costerà sempre di più reperire tali fonti ed estrarle;
  2. Perché le quantità in costante depauperamento spingeranno i costi alle stelle.

“Accadrà”, conclude Leibreich, “Il carbone è inesorabilmente in declino negli USA e nessuno potrà portarlo di nuovo in auge”.