Tag: mercato libero

Caro bolletta 2018: come correre ai ripari

Mentre gli Italiani si scandalizzano per il nuovo balzello sulle buste di plastica per la spesa elevandolo a caso mediatico di proporzioni apocalittiche, è passato molto più inosservato il puntuale aumento dei prezzi delle forniture luce gas.

Come ogni anno, allo scoccare della mezzanotte del 31 dicembre, ecco che il caro bolletta diventa un problema per tutti i consumatori del nostro Paese.

Il 2018, così come era successo per il 2017, si apre con un’ondata di rincari dei prezzi e più che mai appare necessario correre ai ripari per evitare il levitare della spesa. Ricordiamo a tutti che sempre più ci avviciniamo alla fine del Mercato tutelato in cui i cittadini dovranno necessariamente passare al Mercato Libero.

Per ora, alcuni dati comunicati dall’Autorità per l’energia appaiono allarmanti: per tutte le famiglie (parliamo di una famiglia di medio reddito) la spesa luce sarà di 535 euro nel lasso di tempo compreso tra l’Aprile 2017 e il Marzo 2018, il che significa un aumento del 7,5%, calcolato sullo stesso periodo di tempo dell’anno scorso. Stesso discorso per la fornitura di gas che vedrà aumentare il suo costo del 2,1 %.

Se da una parte questo significa una positiva ripresa dei consumi, dall’altra però significa anche meno soldi nelle tasche degli italiani, soprattutto per quelle fasce più deboli che lottano tenacemente per arrivare a fine mese.

La domanda a questo è: ma è possibile fronteggiare il caro bolletta 2018? Diciamo che è un’impresa difficile ma non è ancora tardi per correre ai ripari e non subire impassibili l’aumento della spesa luce e gas.

Alcuni fornitori, ad esempio, offrono delle offerte vantaggiose a riguardo. Iren, Linea più e Green Network, insieme a pochi altri gestori, oltre ad offrire delle tariffe interessanti, garantiscono un prezzo bloccato per la materia luce e gas per uno o due anni. Il risparmio spesso aumenta se l’attivazione viene fatta via web e l’accredito con rid bancario.

Questo significa che, se non altro, è possibile mantenere lo stesso prezzo sulla materia energia che, su garanzia del fornitore, non subirà aumenti killer per 12 o 24 mesi.

Risparmia tu è attiva nell’ aiutarti a trovare l’offerta migliore che ti farà risparmiare su queste offerte. Contattaci senza alcun impegno e ricorda:

il vero risparmio parte te!

3 procedimenti per l’attuazione della Legge sulla concorrenza

Notizia apparsa pochissimi giorni fa sul sito dell’Autorità dell’energia presenta un ulteriore passo in avanti nell’interminabile saga legata alla Legge sulla concorrenza nel mercato  retail.

La “Legge annuale per il mercato e la concorrenza”, entrata in vigore il 29 Agosto scorso, relativa all’ulteriore sviluppo del mercato al dettaglio e alla cessazione da luglio 2019 della tutela di prezzo per famiglie e piccole imprese nei settori dell’energia elettrica e del gas, si avvia alla sua attuazione attraverso 3 procedimenti. Con la deliberazione approvata dall’Autorità per l’energia, sono stati avviati, infatti, i procedimenti di cui sopra per mettere in essere gli interventi previsti. Lo scopo è quello di dare ulteriore impulso alle iniziative già avviate dall’Autorità alla luce dei lavori parlamentari dell’allora disegno di legge sulla concorrenza.

Schematicamente i procedimenti sono quelli descritti qui di seguito:

Creazione per l’Acquirente Unico (gestore del SII – Sistema Informativo Integrato) di un portale web per la raccolta e la pubblicazione delle offerte presenti sul mercato.
L’effetto positivo sarà quello di consentire a famiglie e alle imprese di piccole dimensione di confrontare e scegliere l’offerta luce o gas più adeguata alle proprie esigenze.

Risparmia Tu, anticipando questa attuazione, ha già approntato il proprio portale mettendo a disposizione del consumatore le proprie risorse per offrire offerte sempre aggiornate e convenienti ai propri sottoscrittori.

Sempre sul fronte della trasparenza e della confrontabilità delle offerte, un secondo procedimento andrà a individuare le linee guida per la promozione delle offerte commerciali di energia elettrica e gas a favore dei Gruppi di acquisto e la realizzazione di piattaforme informatiche che facilitino l’aggregazione dei piccoli consumatori.

Un terzo procedimento, infine, porterà alla definizione dei criteri, delle modalità e dei requisiti tecnici, finanziari e di onorabilità per l’iscrizione all’Elenco dei venditori di energia elettrica, che sarà oggetto di un decreto del Ministro dello Sviluppo economico e costituirà condizione necessaria per lo svolgimento dell’attività di vendita ai clienti.

“Tali provvedimenti si innestano in un percorso già intrapreso dall’Autorità mediante misure volte a migliorare la capacitazione dei clienti di piccola dimensione per la piena consapevolezza del diritto di scelta del proprio fornitore di luce o gas, in ragione anche del superamento delle tutele di prezzo a partire dall’1 luglio 2019.

A partire da gennaio 2018, infatti, sarà disponibile per i clienti di piccole dimensioni, l’offerta standard PLACET (a Prezzo Libero A Condizioni Equiparate di Tutela – PLACET), cioè un’offerta rivolta a famiglie e piccole imprese, più chiara e comprensibile, a prezzi liberi e condizioni contrattuali definite dall’Autorità. Tale offerta, tra l’altro inclusa tra le previsioni della legge, si pone inoltre come obiettivo l’individuazione delle condizioni minime contrattuali e dei requisiti che gli operatori devono rispettare per garantire confrontabilità ed omogeneità tra offerte.”

 

Se volete conoscere ulteriori dettagli sull’attuazione della legge sulla concorrenza, vi invitiamo a prendere visione del comunicato stampa sul sito ufficiale dell’Autorità.

Le regole del mercato libero: vademecum

Quali sono le regole del mercato libero ? Quanti le conoscono veramente? Quello che segue è un breve excursus per spiegarne il funzionamento.

Tutti i consumatori dovrebbero conoscere, perlomeno a grandi linee, il mercato nel quale si muovono per effettuare i propri acquisti e, ancora prima, le proprie scelte ed orientamenti di acquisto. Un’informazione completa ed accurata, infatti, può garantire una spesa ed un risparmio certamente più consapevoli.

Già da qualche tempo l’Unione Europea ha stabilito che qualsiasi tipo di consumatore (privato o no) può liberamente scegliere il fornitore di energia e, quindi, scegliere il tipo di offerta alla quale aderire. Allo stesso modo, un consumatore, di qualunque natura esso sia, può decidere di cambiare il proprio fornitore in qualsiasi momento, senza per questo incappare in sanzioni o penali (ma vi sono delle eccezioni da considerare).

A chiunque non eserciti alcun tipo di scelta, vengono invece applicate le condizioni economiche/contrattuali stabilite dell’Autorità.

Nel momento in cui un cliente decida di acquistare un prodotto energia (ad esempio gas), questo ha il diritto di ricevere alcune specifiche informazioni.

L’operatore che effettua il contatto e che propone l’offerta deve sempre identificarsi specificando a quale operatore del mercato appartiene e quali sono i recapiti (telefono ed indirizzo in particolare) dell’azienda proponente.

Deve sempre essere chiaro che si tratta di una proposta commerciale. Senza questo importante dettaglio non bisogna accettare mai di rilasciare informazioni o dati personali.

Prezzo, possibili variazioni dei costi nel corso del tempo, spese accessorie, durata del contratto, conteggio dei consumi, scadenza delle bollette (e spiegazione delle conseguenze di eventuali ritardi), conteggio dei consumi – Sono tutte informazioni necessarie che il cliente deve esigere in fase di stipula del contratto.

Inoltre, il consumatore deve anche essere a conoscenza dei Tempi e delle procedure per l’eventuale diritto di ripensamento e della facoltà di recesso. Degli esiti della lettura dei contatori ed eventuali problemi derivanti dalla mancata lettura.

Chi propone il contratto deve anche informare il cliente sulle procedure di gestione dei reclami e della qualità generale del servizio proposto che deve comunque rispettare determinati standard.

A tal proposito diventa fondamentale un servizio come quello di Risparmia Tu. Essendo infatti slegato da qualsiasi formula di dipendenza da tutti gli operatori presenti sul mercato, questo servizio completamente gratuito per i consumatori è in grado di offrire un’informativa completa ed accurata riguardo alle varie offerte presenti sul mercato.

Altre informazioni che è obbligatorio fornire al consumatore all’atto di stipula di un contratto di fornitura da parte di un operatore che rispetta tutte le regole del mercato libero sono:

  • Consegna di una nota informativa;

  • Consegna scheda di confrontabilità della spesa;

  • Tempi tecnici per la sostituzione del precedente fornitore ed eventuali spese legate a questa procedura;

  • Informare il cliente dell’esistenza di un’offerta PLACET per chi è parte del mercato di maggior tutela;

  • Informare il consumatore degli effetti del passaggio al mercato libero.

Queste sono le regole del mercato libero che ogni buon operatore presente dovrebbe conoscere alla perfezione e queste sono anche le informazioni che ogni cliente dovrebbe pretendere e conoscere nel momento in cui dovesse decidere di cambiare fornitore o stipulare un nuovo contratto con qualsiasi azienda presente sul mercato.

Per maggiori informazioni potete contattarci o scaricare la delibera ARG/com 104/10 in formato pdf.