Tag: consigli

Frodi porta a porta 2018: come difendersi

I questi primi mesi del 2018 abbiamo già ricevuto diverse segnalazioni da parte dei nostri utenti riguardo dei fantomatici venditori “porta a porta” che, a quanto pare, proporrebbero dei presunti aggiustamenti sui prezzi per quello che riguarda la componente energia.

Come sito dedicato al risparmio (e aggiungiamo SICURO) ci sentiamo in dovere di comunicare ai nostri utenti che si tratta di una frode bella e buona. Ecco, quindi, alcune semplici regole per difendersi da questi sedicenti personaggi.

1. Non siete tenuti ad aprire la porta. Per quanto questo gesto sia segno di cortesia, spesso è opportuno evitarlo. Nessuno può sapere a priori chi ci si parerà davanti. Non è raro infatti che, dietro la faccia cortese di un presunto piazzista, si nascosta un vero e proprio truffatore.

2. Le aziende che si occupano di Luce e Gas con le quali avete già stipulato un contratto non comunicano con voi attraverso l’invio di emissari a domicilio. Tanto più se queste persone si propongono di riscuotere le quote del vostro contratto direttamente di persona. Assolutamente NO.

3. Se mai decideste di far entrare in casa vostra qualsiasi estraneo, assicuratevi che sia veramente chi dice di essere. Un cartellino deve essere sempre bene in vista con nome, cognome e azienda di appartenenza. Se i dubbi persistono conviene tenere un cellulare a portata di mano e chiamare direttamente l’azienda in questione chiedendo conferma.

4. Se l’offerta che vi viene proposta sembra troppo allettante, probabilmente non è per nulla conveniente. Un venditore esperto cercherà sempre di nascondere quelli che sono i cavilli più dispendiosi di ogni contratto, mettendo in evidenza al contrario tutti i vantaggi che ne avrete legandovi a questa o quella azienda in particolare. Insomma, non lasciatevi accecare dal sogno di risparmiare ad ogni costo. Pretendete che l’offerta sia spiegata in ogni suo aspetto, anche quello che può apparire più insignificante.

5. Non è necessario che firmiate alcunché. Anzi, è buona abitudine non firmare nulla in prima battuta. Non fatevi pressare dal venditore il cui unico interesse è quello di portare a casa una percentuale sul venduto. Informatevi per conto vostro sull’offerta in un secondo tempo. Ed eventualmente chiamateci allo 06 8110 0399 per ricevere una consulenza completamente gratuita sul gestore in questione. Ogni giorno formiamo nuovi operatori mettendoli nella condizione di rispondere ad ogni vostro dubbio o domanda.

Concludendo, le frodi sono sempre dietro l’angolo. State sempre attenti e prendete le dovute precauzioni. Essere sprovveduti oggi significa perdere ben più che qualche euro, significa alle volte aprire le porte di casa ad individui senza scrupoli.

Questo è solo un piccolo prontuario su come comportarsi nel caso veniate contattati personalmente da un venditore porta a porta, a qualunque azienda esso appartenga.

Risparmio energetico e stili di vita sostenibili: è possibile?

Risparmio energetico e stili di vita sostenibili: è possibile?

La tematica del risparmio energetico e stili di vita sostenibili a livello locale così come a livello globale è ormai un argomento ampiamente di interesse pubblico.
Non si può prescindere dal risparmio e dal consumo consapevole delle risorse per evitare inutili sprechi.
Un’attività, questa, che richiede alcuni accorgimenti, ma che chiede anche una certa sensibilità alle tematiche sociali ed ambientali.

A livello regionale, nazionale ed europeo, l’attività di sensibilizzazione riguardo il Risparmio energetico e stili di vita sostenibili prevede l’investimento di ingenti risorse economiche in programmi dalle ricadute finora più o meno prevedibili e/o efficaci.

Accanto a queste attività ufficiali, vi sono poi alcune campagne di sensibilizzazione che hanno riscosso un più che meritato successo, soprattutto grazie al carisma innato dei loro promotori.
M’illuminoDiMeno di RaiRadio2 è, senza ombra di dubbio, da annoverare fra queste.
Noi di RisparmiaTu.com non siamo insensibili a questo genere di attività.
Proponendoci sul mercato come un’azienda sensibile alle tematiche del risparmio in ogni suo aspetto, non possiamo non condividere il nobile scopo dell’iniziativa dietro M’illuminoDiMeno.
Da 13 anni a questa parte, l’iniziativa promossa dallo staff radiofonico di Cartepillar, suggerisce una serie di buone pratiche volte, non solo al risparmio energetico tout court, ma anche alla cooperazione e alla condivisione.
Ecco qui di seguito alcuni dei punti proposti il 24 Febbraio 2017 scorso, giorno in cui si festeggia il Risparmio energetico e Stili di Vita Sostenibili :

    • Spegnere le luce e accendere l’energia della condivisione;
    • Condividere gli strumenti da lavoro elettrici;
    • Condividere l’auto per andare a lavoro;
    • Usare il car sharing o il bike sharing;
    • Cucinare e mangiare tutti insieme, a casa o in piazza;
    • Condividere il sapere e il saper fare;
    • Condividere oggetti inutilizzati

Come si può vedere, tutti hanno più o meno a che fare con il risparmio e la cooperazione.
Si tratta di sfruttare al meglio le risorse disponibili, direttamente o indirettamente, l’instaurarsi di una serie di buone pratiche.
Vera propria sfida energetica sui generis che mira ad alimentare il Risparmio energetico e degli stili di vita sostenibili.
Una sfida che tutti noi dovremmo accettare volentieri.